100 anni del Partito Comunista, le celebrazioni in piazza Tienanmen

(LaPresse) La Cina celebra in pompa magna i 100 anni dalla fondazione del Partito Comunista, al potere dal 1949. L'evento principale si è tenuto in piazza Tienanmen a Pechino, dove si sono radunate migliaia di persone, tra civili e militari. Hanno sfilato le forze armate, anche con mezzi aerei in formazioni particolari, alla presenza di Xi Jinping. Il presidente cinese ha pronunciato un lungo discorso col quale ha annunciato il raggiungimento del primo obiettivo del Centenario, cioè la costituzione di una "società moderatamente prospera sotto tutti gli aspetti". "Questo significa che abbiamo raggiunto una soluzione storica per il problema della povertà assoluta in Cina, e ora stiamo marciando con fiducia verso il secondo obiettivo del Centenario: trasformare la Cina in un grande Paese socialista moderno a tutti gli effetti", ha dichiarato il segretario generale del partito, il quale ha anche affrontato la questione dei territori autonomi della Repubblica popolare. Su Taiwan linea dura di Xi Jinping, il quale si è impegnato a completare la "riunificazione" con l'autogoverno di Taiwan promettendo di "distruggere" qualsiasi tentativo di indipendenza formale per l'isola. "Risolvere la questione di Taiwan e realizzare la completa riunificazione della madrepatria sono i compiti storici incrollabili del Partito comunista cinese e l'aspirazione comune di tutto il popolo cinese", ha detto Xi nel discorso di piazza Tienanmen.