A Cannes "Benedetta", Verhoeven e la monaca lesbica toscana

"La storia è interessante ma ci dà anche un'idea di come nel Seicento si guardava alle relazioni lesbiche. E ci permette anche di pensare allo sguardo che abbiamo oggi, a dove siamo, e quello che è cambiato in questi 400 anni; di fondo è che oggi quasi tutti pensano che l'omosessualità fa parte della natura, che è vero e va benissimo così" dice Verhoeven.