Carceri, Sappe: "Turbati dalle immagini. Non era dimostrazione di potere ma frustrazione"

(LaPresse) - "Davanti alle immagini di violenza siamo stati i primi a restare turbati. Se fosse stata un'azione premeditata, le telecamere sarebbero state spente. È stata un'azione sfuggita di mano. Non è stata una dimostrazione di potere, ma della frustrazione di personale che ha subito per anni umiliazioni e violenze". Così Emilio Fattorello, segretario nazionale del Sappe e responsabile della Campania, ai giornalisti all'esterno del carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), commentando le presunte violenze sui detenuti da parte degli agenti.