Coronavirus, Rezza: paziente zero in Italia forse da 2 settimane

"Questo famoso paziente zero non è stato rintracciato, perché non è stato rintracciato, per negligenza? No, perché come sapete questa patologia nella stragrande maggioranza dei casi decorre con pochi sintomi, come una malattia lieve, quindi è possibile che qualcuno sia arrivato, magari dalla Cina, con un po' di febbre e tosse e abbia contagiato delle persone, quindi certamente prima che fosse diagnosticato il cosiddetto 'caso indice', il coronavirus avrà circolato per una settimana o due, su questo non c'è dubbio. No mesi prima no, altrimenti avremmo un'epidemia di portata incredibile", ha spiegato.