Impacciatore: Dissenso Comune, donne verso rivoluzione culturale

Sabrina Impacciatore è una delle firmatarie. "Noi ci abbiamo messo un po' di tempo perché abbiamo voluto scriverlo questo documento, ci siamo confrontate tra di noi, su WhatsApp, ci siamo chiamate al telefono, che dobbiamo fare? Comunque volevamo che questo messaggio fosse il più chiaro possibile. Io penso sia stato espresso correttamente quello che volevamo comunicare, e penso che fosse inaccettabile che noi non prendessimo una posizione, perché questa è una rivoluzione culturale che deve essere messa in atto. E non è questione di caccia alla streghe, noi non vogliamo fare nessuna caccia alle streghe, non è che ce la vogliamo prendere con il singolo individuo, anche perché non serve a niente, non serve a nulla. Noi vogliamo che questo sistema cambi e che da questo momento in poi non esistano più questo genere di dinamiche, sia per noi che per le ragazze che un giorno saranno donne, per le bambine. Questo è un momento che noi dobbiamo cogliere, non possiamo perdere questa, è una grande, grande occasione. E io sono tanto felice che noi colleghe siamo tutte unite per questo intento".